Ecco la risoluzione Pd sull'avvio del Piano Estate per i profughi minorenni ucraini, dal supporto psicologico ad attività sociali

Come Pd stiamo lavorando alacremente affinché l'accoglienza, l’inserimento scolastico e la creazione di spazi adeguati per il benessere pedagogico per i minori profughi siano un tratto caratterizzante e fondamentale della risposta risposta italiana a questa emergenza.

Abbiamo presentato una risoluzione, a mia prima firma, che impegna il Governo a mettere in campo ogni azione utile, reperendo risorse adeguate, per l’avvio immediato di progetti di accoglienza dei bambini e delle bambine profughi ucraini all’interno del Piano Estate. 

Dopo aver proposto in Commissione Infanzia questo tema e aver ricevuto l'affare assegnato specifico del quale sono relatore, continuiamo come Pd a impegnarci per dare una risposta di senso compiuto alla drammatica emergenza del minori profughi ucraini. 

La risoluzione che abbiamo presentato impegna il Governo ad attivare immediatamente, all’interno del Piano Estate, programmi di apprendimento della lingua e di socializzazione così come attività culturali, artistiche e sportive, a sostegno dei bambini profughi ucraini; a dare rilievo, nell’avvio dei progetti di accoglienza, alla collaborazione attiva tra istituzioni scolastiche, società civile e enti del terzo settore già impegnati sul territorio; a reperire risorse aggiuntive per garantire il supporto psicologico per gli alunni ucraini; a fornire sostegno educativo specializzato a coloro che hanno esigenze supplementari; ad avviare percorsi di formazione per i docenti coinvolti nell’accoglienza; a censire le professionalità dei profughi adulti per poterli coinvolgere nei piani di integrazione scolastica; a predisporre, avvalendosi della collaborazione di Unicef e Save the children, di kit di benvenuto educativo; a coinvolgere il ministero ucraino competente per garantire continuità didattica. 

Come Pd stiamo lavorando alacremente affinché l'accoglienza, l’inserimento scolastico e la creazione di spazi adeguati per il benessere pedagogico per i minori profughi siano un tratto caratterizzante e fondamentale della risposta italiana a questa emergenza.