Bari: da Draghi messaggio positivo su investimenti in istruzione e lotta alle disuguaglianze

Per Draghi “un sistema educativo che non funziona alimenta le diseguaglianze, ostacola la mobilità e priva l'Italia di cittadini capaci e consapevoli”. Una questione sulla quale lavoro costantemente da molti anni

Sono molto contento delle parole che il presidente del Consiglio Mario Draghi, ha espresso oggi a Bari. Per Draghi “un sistema educativo che non funziona alimenta le diseguaglianze, ostacola la mobilità e priva l'Italia di cittadini capaci e consapevoli”. 

Una questione sulla quale lavoro costantemente da molti anni, non da ultimo nelle commissioni. Credo infatti che ci sia bisogno di mettere bambini e bambine al centro della nostra visione per il futuro, partendo dai diritti dell’infanzia e adolescenza fino a sostenere il diritto ad avere un lavoro buono. 

Importanti anche le parole sul divario di genere e sull’uso dei fondi del Pnrr, che sono un’opportunità che abbiamo l’obbligo di gestire bene per le prossime generazioni e per il rilancio del Mezzogiorno. E anche per sconfiggere le mafie. Come ho detto in altre occasioni la coesione tra generazioni, così come i tentativi di produrre lavoro "buono" sono fondamentali per una nuova stagione di antimafia e in questo senso credo che le esperienze pugliesi, vere eccellenze nel campo, debbano essere replicate e potenziate. 

Rimango infatti convinto che possa ripartire da Bari e dalla Puglia una nuova stagione di impegno civile giovanile. Abbiamo sempre lavorato su questa linea e continueremo.